Bibbia2.gif    Sfogliando

                                     

 

          HALLOWEEN

Halloween

 
 


 

 

 

 

 

 

     Attenzione,  pericolo!

 

 

Oggi, nel mondo intero, Halloween è la festa più importante dell’anno per i satanismi. Anzi, il 31 ottobre è anche il nuovo anno per il calendario degli stregoni. La World Book Enciclopedia afferma che questa data segna l’inizio di tutto ciò che è “freddo, nero e morte”.

Un di storia

300 anni prima di Cristo, una società segreta di sacerdoti pagani controllava l’intero mondo celtico. Ogni anno, il 31 ottobre, giorno di Halloween, costoro celebravano la festa in  onore  del loro dio pagano signore della morte. Questi sacerdoti passavano da una  porta all’altra, chiedendo delle offerte per il loro dio ed esigevano anche dei sacrifici umani! Per chi apriva l’ingresso di casa, era appunto il momento della  scelta la cui eco è rimasta nell’impressione inglese “trick or treat”, cioè “malasorte o regalo”. In caso di rifiuto, infatti, pronunciavano delle maledizioni di morte su quella famiglia.  Per  illuminare il loro cammino,  questi sacerdoti  portavano  delle  rape  svuotate e ritagliate sulla forma del viso, nelle quali ardevano delle candele ottenute con l’adipe umano dei sacrifici precedentemente offerti. Le zucche rappresentavano lo spirito che avrebbe  reso efficace le loro maledizioni.

La festa fissata per  l’ultimo giorno del mese di ottobre,  che si sta  diffondendo anche nel nostro  paese,  rappresenta quindi il ricordo dei vecchi riti celtici che celebravano  l’incontro  tra il mondo  terreno e  quello delle tenebre e durante i quali venivano anche realizzati degli incantesimi volti a proteggere i beni terreni contro la potenza dei demoni. La ricorrenza commemorava l’entrata nella fase più triste dell’anno, quella dell’inverno.

Si credeva infatti che in quella sera le anime dei trapassati venissero a visitare i viventi. Per questo era l’occasione propizia per ogni sorta di pratiche occulte: invocazione degli spiriti, dei demoni, della notte e della morte appunto.

Nel XVIII e XIX secolo, quando questo costume giunse negli Stati Uniti d’America con gli emigranti irlandesi, le rape sono state sostituite con le zucche. Il nome attribuito allo spirito che si trovava all’interno della zucca era Jock, che è diventato in inglese Jack che abita dentro la zucca trasformata in lampada, da cui “Jack della lanterna”.

Il pericolo

Il nome  Halloween deriva dall’espressione  All Hallow’s Eve  che tradotto vuol dire “Vigilia d’Ognissanti”. In realtà, come abbiamo visto, le origini di Halloween sono  completamente pagane  e  non hanno alcuna relazione con questa festa religiosa.  Ai nostri giorni,  sappiamo  per  certo  che  in alcune parti del mondo, per esempio in Australia,  Stati Uniti e Francia,  i satanismi offrono dei sacrifici umani proprio quella notte. Quindi,  quando  vediamo i nostri figli chiedere caramelle o doni di casa in casa,  la  cosa  potrà sembrare inoffensiva e divertente, ma non li stiamo forse associando, senza esserne pienamente consapevoli, ad un rituale alquanto oscuro? Quale impressione resterà nel loro subconscio di tutto questo? Nel terzo millennio non abbiamo altro da offrire ai nostri figli che l’immagine di ciò che è triste, oscuro e demoniaco? Per soddisfare la motivazione ed il desiderio di quanti  si propongono  fini  esclusivamente commerciali e lucrativi, siamo noi disposti a segnare la loro psiche ed a turbare la loro coscienza con un rituale che riecheggia pratiche collegate con il mondo delle tenebre e dei demoni?

                                                                                                     

Da una pubblicazione di Cristiani Oggi

 

 

"Il Faro."                         torna indietro